Il lento dondolio della testa accompagnato da un impercettibile movimento del corpo, mani dure, rugose, segnate dalla fatica che improvvisamente si protendono in avanti come nel vano tentativo di raggiungere qualcuno, un canto struggente che ritma la gestualità in un crescendo emozionante.

Le voci si inseguono e riecheggiano tra gli affreschi del Domenichino e 52 busti d’argento, siamo nella Real Cappella del Tesoro, all’interno del Duomo di Napoli, ma se per un attimo provassimo ad astrarci dal luogo in cui ci troviamo e lasciassimo correre la fantasia potremmo immaginare, ascoltando questa nenia, di trovarci sulle antiche “rampe del Petraio” che dalla collina del Vomero portano sino a Chiaia, al mare di Napoli.

Potremmo pensare di sentire il rumore della biancheria profumata sbattuta dal vento e messa lì, ad asciugare al sole, mentre le lavandaie intonano le villanelle. Oppure potremmo immaginare di essere in uno dei quartieri più popolari di Napoli, la Sanità, quando tutto lo spazio antistante il palazzo dello “spagnuolo”, disegnata nel ‘700 dall’architetto Luigi San Felice diventa, soprattutto la vigilia di Natale, uno dei mercati più colorati e ricchi della città partenopea, ispirando i grandi artigiani del presepe napoletano del ‘600 e del ‘700.

In queste voci che ascoltiamo all’interno della Real Cappella del Tesoro di San Gennaro, una delle più straordinarie testimonianze del barocco, sono racchiusi millenni della grande civiltà napoletana.

Sono i cori delle “parenti” di San Gennaro ed attendono il Miracolo del patrono di Napoli: lo scioglimento del sangue.

A maggio ed a settembre, nei giorni del miracolo, siedono in chiesa in prima fila, possono parlare al busto di San Gennaro, gli rivolgono esortazioni a non tardare nel fare il miracolo, frasi tenere che Matilde Serao definì “vezzeggiativi scJesce e….facci grazia.

Il museo è CHIUSO. Prossima apertura domani alle 09:30 fino alle 13:30. Ultimo ingresso alle 13:00

Follow us on instagram

Il Museo del Tesoro di San Gennaro è aperto tutti i giorni dalle 9,00 alle 17,30
Il Museo civico Gaetano Filangieri è aperto il sabato dalle 10,00 alle 18, 00 &e la domenica dalle 10.00 alle 14,00

#laculturacheriparte #sangennaromuseo #filangierimuseo #EStateaNapoli
...

Nell’agosto del 1860 Garibaldi

aveva conquistato quasi tutta la

Sicilia e si avviava a marciare verso

Napoli. Re Francesco II di Borbone si

accingeva a prendere una decisione

importante: con la moglie Maria

Sofia di Baviera decisero di risparmiare

Napoli, la capitale del Regno

delle Due Sicilie, dagli atroci combattimenti

e di trasferirsi per resistere

ai piemontesi nella roccaforte

di Gaeta. Prima di lasciare Napoli donò a

San Gennaro, il 13 agosto del 1860,

un calice di famiglia realizzato

nel 1853: con l’incisione per

particolare devozione.

#sangennaro #donireali #tesorodinapoli #tesorodisangennaro #laculturacheriparte #EStateaNapoli
...

“FERRAGOSTO CON L’ARTE”:
XVI EDIZIONE SPECIALE 2020
VISITE GUIDATE GRATUITE *
APP MOBILE CON GUIDA MULTIMEDIALE GRATUITA
“BIGLIETTO SPECIALE EURO 3,00 - SABATO 15 AGOSTO dalle ORE 9,00 alle 18,00
#sangennaromuseo #Ferragostoconlarte #ferragostoalmuseo #EStateaNapoli

Sarà un Ferragosto con l’arte differente dalle precedenti edizioni, ma anche quest’anno l’evento al Museo del Tesoro di San Gennaro di sabato prossimo 15 agosto dalle 9,00 alle 18,00 si svolgerà con biglietto speciale di euro 3,00 e con visite guidate gratuite o con app mobile gratuita scaricabile alla biglietteria.
Rispettando ovviamente tutte le disposizioni anti Covid e cioè, prenotazioni on line e telefoniche, obbligo della mascherina, segnaletica di distanza sociale, misurazione della temperatura corporea.

Giunto alla XVI edizione, Ferragosto con l’arte, sembra tornare agli albori quando fu ideata e promossa dal marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli componente della Deputazione che, percorrendo via Duomo nel Ferragosto del 2003, vide gruppi di turisti che vagavano sotto un sole cocente, senza un’apparente meta, tra bar e ristoranti chiusi, saracinesche dei locali commerciali abbassate. Quest’anno, nella terribile era del Covid, mancano infatti quelle certezze che avevano contraddistinto Napoli negli ultimi anni: folla di turisti proveniente da ogni dove, tutti i luoghi di cultura aperti, negozi, bar e punti di ristoro affollati. Ecco dunque che, oggi come allora, insieme al direttore del Museo, Paolo Jorio, vi è l’idea e la volontà di aprire il Museo del Tesoro di San Gennaro a un prezzo speciale di euro 3,00 con visite guidate gratuite, non solo per consolidare una tradizione che si ripete ogni 15 agosto, da quel lontano 2004, ma per dare anche un segnale di normalità in un momento storico in cui tutto sembra dover ripartire da zero. Soprattutto il turismo.
*LE VISITE GUIDATE GRATUITE (CONPRESE NEL COSTO DEL BIGLIETTO) SARANNO CONSENTITE COMPATIBILMENTE CON LE DISPOSIZIONI ANTICOVID VIGENTI E CON IL DIVIETO DI ASSEMBRAMENTO
SE DOVESSERO ESSERE IN CONTRASTO CON TALI DISPOSIZIONI
POTRANNO QUINDI ESSERE SOSPESE IN QUALSIASI MOMENTO E SOSTITUITE CON L’APP MOBILE GUIDA MULTIMEDIALE SCARICABI
...

Resta aggiornato sulle novità del nostro Museo

Resta aggiornato sulle novità del nostro Museo

Iscriviti alla nostra mailing list e sarai informato su iniziative e novità sul Museo del Tesoro di San Gennaro.

Grazie per esserti registrato!

Pin It on Pinterest